Costo spese di spedizione 9,90 €. Gratuite sopra i 100 € di spesa.

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

La Torta Pasqualina

02/04/2021


La Torta Pasqualina🥧è una torta di verdura tipica ligure, nota secoli fa come Gattafura.
Fu nominata così da un famoso letterato milanese📚 del XIV secolo che la citò nel proprio libro: “Catalogo de gli inventori delle cose che si mangiano e bevono” e la apprezzò così tanto che commentò: “A me piacque più che all’orso il miele🐻🍯”.
Questa torta🥧tipica della città di Genova, in antichità veniva preparata per la festività pasquale🐥🐣 e veniva rivestita con trentatré strati di pasta sfoglia, in omaggio agli anni di Cristo.
All' interno del ripieno venivano messe le uova intere🥚 come simbolo della nascita.
Sulla torta🥧 si facevano dei segni con il coltello🔪, poichè un tempo non tutti avevano il forno in casa e tali segni servivano per riconoscere la propria torta.
Ma adesso passiamo alla ricetta📄
Per la sfoglia🥧
- 600 g di farina
- acqua q.b.💧
- mezzo bicchiere d’olio evo
- Per il ripieno🥣
- 500 g di bietole + 1 manciata di borragine
- 6 uova🥚
- 1/2 cipolla🧅
- 300 g di prescinsêua (formaggio tipico) o ricotta
- 80 g di parmigiano grattuggiato🧀
- maggiorana (meglio fresca) q.b.🌿
- sale e pepe q.b.🧂
Impastiamo la farina con l’olio e acqua💧 ed otteniamo un impasto morbido. Dividiamola in pallottoline⚪ e disponiamole su un ripiano infarinato coperte da un canovaccio umido. Lasciamole riposare un paio d’ore🕐🕐.
Le pallottole, come abbiamo detto prima, dovrebbero essere stese per creare le 33 sfoglie, ma ne faremo decisamente meno per mancanza di tempo e soprattutto abilità😉 (ciò non vi impedisce di provare a fare proprio i 33 strati, aumentando naturalmente le dosi dell'impasto💪). Con questa ricetta vengono 3 o 4 strati come base e altre 3 o 4 come copertura. L’importante è che siano davvero sottilissimi!
Per il ripieno🥣 puliamo, laviamo e scottiamo bietole e borragine. L’importante è scolarle e strizzarle con cura. L’acqua💧 non deve essere presente nella nostra ricetta.
Per lo stesso motivo, che si usi ricotta o prescinsêua, bisogna scolarle molto bene e metterle a sgocciolare in un tovagliolo legato e tenuto appeso in modo che scarichi tutto il siero.
Tritiamo la cipolla🧅 e facciamola rosolare in padella con l'olio evo. Aggiungiamo bietole e borragini tritate🌿🌿 e quando si asciugano ritiriamole dal fuoco🔥 e lasciamo intiepidire.
In una contenitore sbattiamo 2 uova🥚🥚, uniamo il parmigiano grattuggiato, la prescinsêua (o la ricotta), le bietole, la maggiorana🌿. Condiamo con sale e pepe. Amalgamiamo il tutto🥣.
Nell'ultima fase ungiamo una teglia e stendiamo la prima sfoglia. Ungiamola e sovrapponiamo le altre.
Fatta la base versiamo il ripieno🥣, creando 4 fossetti in cui verseremo altrettante uova appena sgusciate🥚🥚🥚🥚. Attenzione a non romperle❗.
Mettiamo un po’ di sale e pepe🧂 sulle uova🥚.
Posizioniamo le sfoglie che avevamo steso sulla teglia, leggermente unte (attenzione alle uova).
Tagliamo la pasta in eccesso🔪🥧 e rimbocchiamo i bordi lasciando un buchetto per soffiare l’aria🌬.
Ungiamo bene la superficie dell’ultima sfoglia inforniamo a 180° C per 40/45 minuti🕗, finché la pasta non assumerà un bel colore dorato.
Spero di esservi stata d'aiuto😉, qualcuno di voi preparerà la Torta Pasqualina🥧 nei prossimi giorni😋?
Colgo l'occasione con questo post per augurarVi Buona Pasqua🐣🎀!
A presto,
Giulia❤